Privacy policy

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Domenica 11 dicembre all'insegna della vela al Poetto, che ospiterà il Memorial Piero Ciabatti, la kermesse velica riservata alle derive organizzata dallo Yacht Club Cagliari.

Lo sapevate che negli anni dell’immediato dopoguerra, una delle prime derive comparse a Cagliari, è stata calata da un balcone della centralissima via Garibaldi? È stato un evento che ha destato non poco scalpore al tempo e ancora oggi, i piu anziani, ricordano con affetto quell’episodio curioso. La colpa di quel fattaccio è da attribuire a quattro ragazzotti in cui la creatività si mischiava con esuberanza e passione per il mare, il vento, la vela.

Quei ragazzi visionari erano i fratelli Ciabatti e Piero, il più piccolo dei quattro, è stato quello che forse più di tutti, è stato rapito dalla passione per il mare e la vela.

Per lui ogni momento libero era buono per andare in mare, passando dalle regate alle vacanze tutte rigorosamente in barca. Piero è stato una colonna della vela cagliaritana e protagonista delle regate con il Flying Dutchmann negli anni 70, in coppia con Gino Gentilini, proprio quando il FD era la classe regina della vela internazionale. Famose erano le sfide all’ultimo sangue con Franco Fodde e Mario Orlich o con Sergio Mura e Gianni Zicchina ( giusto per citarne qualcuno).

Tante le regate d’altura in cui partecipava con i personaggi di allora: Sandro Ricetto, Cesare Barabino, Giuseppe Cappellacci ecc. 

Poi con l’avanzare dell’età ha iniziato a partecipare alle regate sulla barca giuria in veste di giudice di regata. Piero è stato uno dei pochi regatanti attivi che usato la sua esperienza, acquisita sul campo, per dedicarsi alla “carriera” di dirigente della vela isolana, carriera che ha raggiunto il culmine con la presidenza dello Yacht Club Cagliari, uno dei più prestigiosi circoli della Sardegna. 

Purtroppo ci ha lasciato improvvisamente nel 1994 ed è stato praticamente naturale e dovuto, l’istituzione del Memorial Ciabatti, forse il più importante evento per le derive che si abbia in Sardegna, fortemente voluto dall’allora e attuale Presidente dello YCC Luciano Randaccio. 

La passione di Piero per il mare non è finita con la sua scomparsa: Carlo il nipote, che purtroppo Piero non è riuscito a conoscere, ha tanta di quella passione, tanto da essere diventato membro del team di Luna Rossa.